Tendenze

Le mille sfaccettature del legno

Il legno è un classico dell’arredamento d’interni. È sempre stato il materiale da costruzione per eccellenza, sia per i mobili che per gli edifici. Tuttavia il legno ha mille sfaccettature e viene usato in maniera diversa a seconda dello stile e del design. Ma quale tipo di legno vi si addice di più? Qui di seguito vi presentiamo i diversi stili.

 

Holz kann richtig edel aussehen, verliert aber nie seine Bodenständigkeit.

Rustico: benvenuti nello stile casa in campagna

Il legno veniva naturalmente scelto per costruire le vecchie case dei contadini. Il design rustico dei tipici mobili in legno seduce proprio per l’utilizzo della materia prima non trattata. Il naturale invecchiamento del materiale è del tutto voluto, permettendo la creazione di una patina spontanea. Gli amanti del genere si sono ormai rassegnati alle schegge. Una lunga tavola, bellissime sedie in legno o rustici sgabelli sono decisamente migliori di quelli trattati, delle vere e proprie opere d’arte senza fronzoli. Potete scegliere i colori della terra anche per il resto dell’arredamento, in modo da sentirvi un tutt’uno con la natura.

 

Die vielen Gesichter von Holz_Landhaus

2. Laccato bianco: benvenuti nello stile rustico americano

La variante più moderna di questo classico stile d’arredamento è lo stile rustico americano anche conosciuto come Country Chic. Anche qui viene impiegato parecchio legno, ma il look si basa principalmente su mobili laccati in bianco. Le forme restano lineari, ma la tinta bianca dona, come per magia, un tocco di romanticismo alla casa. Potete aggiungere dei cenni di colore come per esempio tovaglie, cuscini o rivestimenti per divani. Il blu e i motivi a righe o a quadri sono perfetti. E naturalmente non può mancare il simbolo della vita bucolica: la sedia a dondolo. Uno splendido idillio…

 

Weiß lackiertes Holz und traditionelle Landhaus-Formen: so sieht der neue Landhausstil von heute aus!

3. Marrone marezzato: lo stile Mid century

Quello che oggi viene comunemente chiamato retrò, consiste nel cosiddetto stile Mid century degli anni ’50 e ’60. Tipici di quest’epoca erano mobili semplici, dalle linee ben definite, che hanno ispirato molti degli attuali classici del design. Uno dei simboli del periodo del dopoguerra è senza dubbio il tavolino da salotto con il piano che ricorda le forme di un fagiolo.

 

Dunkelbraunes Holz, eine sichtbare Maserung und retrogrades Design machen den Look aus.

Inizialmente venivano impiegati quasi esclusivamente legni come il faggio e il rovere, i quali oggi però vengono spesso etichettati ironicamente con l’appellativo „Barocco di Gelsenkirche“, cittadina tedesca della Renania. Durante gli anni della ripresa economica invece la scelta ricadde sul legno di teak. Utilizzato specialmente per i mobili da giardino, questo legno tropicale scuro ha però un forte impatto ecologico e politico. La robinia (o acacia) è una valida alternativa eco sostenibile, che se verniciata di verde scuro, marrone o rosso si adatta perfettamente a questo look: legno autoctono che si presta a nuovi tipi di design.

 

Decapato chiaro: lo stile scandinavo

Se quando pensate alle vacanze, la prima cosa che vi viene in mente sono i paesaggi del mare della Svezia, allora i mobili in stile scandinavo sono proprio quello che fa al caso vostro. Betulla e pino chiaro sono le due tipologie di legno caratteristiche di questo stile. Per ottenere l’effetto migliore il legno andrebbe lasciato al naturale, ma anche dipinto di bianco o nelle tonalità pastello si riconosce immediatamente il design minimalista. Si viene quindi a creare quella piacevole calma che tanto amiamo nello stile scandinavo.

 

Die vielen Gesichter von Holz_skandi

 

Consiglio: verniciate solo una parte del tavolo o le gambe della sedia e lasciate il resto al naturale. Così facendo creerete un fantastico contrasto e l’arredamento non risulterà poi così „spoglio“.

 

5. Dal marrone scuro al nero, marezzato: lo stile coloniale

Pesanti e scuri mobili in legno contraddistinguono lo stile coloniale. Dalle vecchie colonie provenivano particolari tipi di legno, spesso di origine tropicale, intagliati ad arte, decorati o dalla marezzatura interessante. Anche il legno di bambù si adatta bene a questo stile ed è per giunta un’ottima scelta a livello di sostenibilità ecologica.

 

Accanto alle cassettiere dagli spigoli ben definiti e agli armadi da farmacia cinese, stanno benissimo i divani inglesi in pelle. Il legno scuro risulta sempre molto elegante, ma per ottenere un effetto di leggerezza in combinazione con questi mobili così pesanti, vi consigliamo di scegliere mobili in rattan. Tappeti chiari e leggere tende in lino sono una valida alternativa di contrasto.

 

Die vielen Gesichter von Holz_goa

6. Legno invecchiato: il fascino industriale

Per la gioia dello stile industriale, il legno è il completamento perfetto per tutto quel ferro. Il legno dovrebbe essere lavorato grossolanamente e avere preferibilmente uno strato di patina. Vecchie bruciature, nodi e scheggiature mostrano che questo legno è stato davvero vissuto. Spesso il legno si scurisce con il passare del tempo. Questa tonalità di marrone scuro, però sta benissimo con le cerniere nere in ferro o con il rame tubolare, creando un effetto di grande qualità soprattutto se applicato su grandi pezzi d’arredamento. Un legno ben invecchiato è sinonimo di buona qualità, per i falegnami come per gli amanti di questo straordinario materiale.

 

Echte oder künstliche Patina verleiht Holzmöbeln einen interessanten, rauen Charme.

Non tutto il legno è uguale. Ogni tipo di legno ha le sue proprie caratteristiche e a seconda della lavorazione si possono realizzare innumerevoli stili e sfumature differenti. Con il legno si può (quasi) tutto. Il segreto è lasciarsi ispirare per poi creare il vostro stile personale. Buon divertimento!