I nostri consigli

Less is more – Minimal Art

Forme ridotte al minimo! Questo era il motto della Minimal Art, il suo principio ispiratore. Ti mostriamo ora cosa fare per creare uno stile minimalista a casa tua.

Con la primavera liberiamo le nostre case dalla zavorra della stagione invernale e da tutto ciò che le ha appesantite negli ultimi mesi. Arriva la stagione del rinnovo, il momento perfetto per seguire l’arte delle forme essenziali anche tra le pareti di casa tua. Riducendo al minimo ogni eccesso di stile, creiamo un senso di ordine e sobrietà. E i suoi effetti positivi sul nostro animo sono innegabili. Perché l’ordine delle forme fuori porta calma ed eleganza anche dentro di noi.

Spazio e ordine sono l'essenziale!

Arte minimale è…

L’arte minimalista ha le sue origini nell’architettura degli anni ’20, si distingue soprattutto per le linee geometriche e rettilinee e per l’assenza di ornamenti decorativi. Anche nell’arredo degli interni ogni eccesso è ridotto al minimo: forme cubiche nitide, superfici piane, tonalità cromatiche discrete, materiali pregiati, niente fronzoli e un arredamento funzionale: queste le caratteristiche tipiche della Minimal Art per l’arredamento. Qui vige la regola della qualità e non della quantità, perché l’intera attenzione è focalizzata su un numero di mobili minimo.

Disordine, riviste sparse e inutili cose di poco conto: questi i nemici numero uno della Minimal Art. Il concetto fondamentale, qui, è che attraverso l’ordine i mobili abbiano lo spazio per sprigionare il loro “effetto” minimalista.

Minimalismo scandinavo

Come funziona…

Armadi a muro e altri mobili con molto spazio di riordino sono perfetti per uno stile minimalista. Per non soffocare spazi ampi e riordinati con tanti e piccoli dettagli, gli accessori e i colori vanno utilizzati con molta moderazione. E in modo particolare le donne – di natura abilissime collezioniste – si distinguono per la capacità di accumulare cianfrusaglie.

Al contrario qui vale la regola: ciò che non viene utilizzato, non si compra. La calma è la misura di tutte le cose: non dobbiamo rinunciare completamente all’elemento decorativo ma sapere che pochi oggetti, scelti accuratamente, donano a un ambiente ordinato un tocco di personalità. È così che una sola candela e un vaso si rivelano più espressivi di una vassoio pieno di tante piccole candele.

Lampade e tappeti

Con la giusta collocazione di lampade e tappeti possiamo creare un ambiente ancora più caldo e confortevole. L’ideale sarebbe un’equilibrata combinazione tra luce diretta e indiretta: più piccole fonti di illuminazione conferiscono alla tua casa uno stile minimalista intimo e confortevole. Le lampade in rame sono del resto particolarmente adatte a diffondere confortevolezza minimal e tonalità di luci calde.

Per il pavimento, tutto è concesso – Posiziona un tappeto per donare al resto della stanza una tonalità di colore o per renderlo la principale attrazione visiva della sala: in ogni caso riveste pavimenti altrimenti anonimi e rende ogni spazio più confortevole.

E per chi sente l’ambiente ancora troppo sterile, una combinazione di tappeto e mobili in legno può contrastare un’atmosfera troppo fredda. E ancora: mobili con marcate venature del legno ti regalano la sensazione di natura a casa tua.

Il legno dona calore al gusto minimal

Accessori e immagini

Immagini in formati grandi e sculture moderne sono tipici accessori dello stile minimalista. Figure in elegante argento e materiali cromati mettono in risalto l’asciutta eleganza e l’inavvicinabilità dell’arredamento minimalista, perfezionandone lo stile.

Elementi colorati, invece, sono perfetti per creare un contrasto nella gamma dei colori minimal del nero, del bianco e del grigio. Tocchi di colore, mirati e scelti con cura, sono assolutamente permessi, perché rendono lo spazio meno austero e gli donano un effetto meno freddo.

Quadri molto grandi sono un richiamo visivo perfetto!

Anche le immagini alle pareti possono dare un maggiore calore all’atmosfera. Nella Minimal Art poniamo in risalto la semplicità degli oggetti. Centriamo allora il quadro in un punto laterale della parete, lasciando molto spazio libero a destra o a sinistra: l’immagine riceve così un respiro maggiore e, in prospettiva, funge da nitido ed elegante punto di fuga.

A proposito di pareti. Niente ha un effetto più minimalista di pareti bianche. Ma anche questa, non è una regola fissa! Con una delicata tonalità color crema alle pareti creiamo già una certa intimità che si diffonde anche senza l’utilizzo di ulteriori accessori.

Cenare con stile, avvolti da una raffinata combinazione di nero e bianco

Una curiosità: con la parola minimalismo non ci si riferisce solo all’architettura e agli arredamenti interni. Alcuni applicano questo termine a ogni ambito della vita quotidiana. In questo senso minimalismo significa un armadio quasi vuoto, le nostre cose più care, semplici ricette fatte in casa, lunghe passeggiate nel cuore della natura, passare il tempo con gli amici – in una parola: la concentrazione all’essenziale. Fare solo le cose che amiamo. E che sono davvero importanti.