I nostri consigli

Con la cornice giusta, rendi protagonista la tua parete!

In una ricerca per questo articolo ho scoperto che il terribile trio di immagini raffigurante la Torre Eiffel sopra il mio letto è un trittico.

Suona sicuramente meglio del mostro di pixel che è in realtà – ma significa semplicemente che si tratta di tre immagini singole che insieme costituiscono un’immagine complessiva. Con il quale tuttavia si indica già una delle migliori tecniche per appendere le immagini alle pareti.

Per una simmetria perfetta utilizzare una livella a bolla

Innanzitutto, un consiglio: ogni combinazione possibile di immagini andrebbe provata sul pavimento prima di fissarla. Trapanare inutilmente la parete non contribuisce alla decorazione.

Il solista

Il solista non condivide volentieri il palco; vuol godersi l’attenzione del suo pubblico nell’assoluta esclusività. A un’immagine particolarmente bella, quindi, va concessa una cornice particolare e uno spazio tutto suo. Così l’immagine diventa la protagonista assoluta della sala e, in fatto di design, concede anche il bis.

living4media_11288246_LayoutTutta l’attenzione su un solo elemento

Composizione geometrica – In stile Ermitage

Un tempo la borghesia di San Pietroburgo ostentava la sua ricchezza attraverso questa disposizione geometrica dei quadri. Oggi anche tu puoi ostentare allo stesso modo il tuo gusto. Il caos organizzato è una delizia per gli occhi. Le assi dei quadri? Puoi benissimo ignorarle, ma le immagini dovrebbero avere qui le stesse dimensioni e lo stesso tipo di cornice e passepartout. Puoi rendere poi un effetto particolarmente ben riuscito se scegli immagini che raffigurino una tematica comune.

living4media_11239639_HiRes[1]Il caos perfettamente organizzato: lo stile pietroburghese 

La disposizione lineare

La tua livella prediligerà questo tipo di esposizione e tu avrai assolutamente bisogno di lei. Qui tutte le immagini vengono disposte su un asse lineare al centro della parete e sempre con la medesima distanza l’una dall’altra. Come interessante variante potresti anche disporre le immagini su un’asse verticale. Vuoi spingerti invece verso qualcosa di ancora più eccentrico? Utilizza come linea assiale un angolo della casa e disponi le immagini su due pareti diverse.

living4media_11325275_XXL[1]Con una disposizione lineare crei un look ordinato

La disposizione seriale

Se tutti i quadri hanno la stesse dimensioni, questa disposizione risulta particolarmente bella. Ma se questo non dovesse essere il tuo caso, puoi disporre i quadri su un’asse centrale immaginaria o scegliere un elegante disposizione angolare.

living4media_11078281_HiRes[1]Se scegli una disposizione seriale, tutte le cornici devono avere la stessa dimensione

La disposizione a griglia

A lezione d’arte ho imparato che le linee orizzontali e verticali sono particolarmente appropriate ad emanare quiete. Se vuoi sfuggire allora dallo stress quotidiano con l’allestimento della tua parete, la disposizione a griglia fa proprio al caso tuo. Qui tutti i quadri vengono ordinati in modo rigorosamente geometrico e devono essere di eguali dimensioni. Se tutte le immagini poi sono in bianco e nero, raggiungerai una pace dei sensi. Potrebbe esserti utile anche come piccolo segreto per allestire la camera dei bimbi?

living4media_11042017_LayoutSensazione di relax grazie alle linee verticali e orizzontali di una disposizione a griglia

Inside the Lines

A prima vista, utilizzando questa disposizione, nessuno si accorge di qualcosa degno di nota. Quadri, stampe, cornici, spazi… tutto sembra essere assemblato completamente senza criterio. Ma non è così. È la disposizione stessa qui a disegnare una cornice: ogni immagine contribuisce a creare la figura geometrica del tutto. Che sia un cerchio, un quadrato o un rettangolo, la scelta spetta solo a te. Per riuscire al meglio in questo tipo di esposizione, ti consigliamo di provare prima la disposizione scelta su un drappo di tappezzeria.

living4media_11239780_HiRes[1]La dispozione circolare delle foto è tutt’altro che casuale

Tutto è simmetrico

Con simmetria si intendono i particolari tipi di trasformazione del piano o dello spazio in sé che lasciano inalterate le distanze. Per una disposizione simmetrica dei quadri c’è bisogno almeno di due immagini della medesima grandezza e di una terza immagine che venga disposta lungo l’asse di rotazione. Non è importante qui la definizione dell’effetto finale, io dico semplicemente: bello.

 

Richtig_eingerahmt[1]Una disposizione simmetrica dona tranquillità: l’ideale per la camera da letto

Sulle mensoline

Nella vita spesso accade che più si hanno possibilità di scelta e più difficile risulta decidersi. Con una mensolina non hai bisogno di prendere decisioni. Poggia semplicemente qui il tuo quadro o la tua opera d’arte a piacimento, dandogli ogni volta una collocazione nuova. Sulla mensolina è anche molto comodo poggiare ricordini di altro tipo o souvenir, che insieme alla tua cornice perfezionano l’insieme. Questa è la soluzione perfetta per tutti coloro che hanno una vita movimentata. E non lo nascondono.

living4media_00705229_Layout[1]Qualcosa di diverso: sopra una mensolina puoi poggiare una foto o un oggetto dandogli risalto

Il collage

Ricordi i tempi adolescenziali in cui si ritagliava dalle riviste la foto del ragazzo o della ragazza dei nostri sogni per ricavarne un meraviglioso collage? Se al tempo amavi quest’attività, la disposizione collage di immagini ti divertirà ancora oggi (sperando magari in un gusto migliore di allora nella scelta del motivo). Qui tutto è permesso: biglietti di ingresso per concerti e mostre, collage di foto, cartoline, poster, magliette. Incolla, spilla o cuci tutto insieme e creerai un’opera d’arte complessiva tutta personale. Inoltre, puoi anche collocare il tutto in una cornice particolare e affidare alla tua opera il ruolo di quadro solista, protagonista della tua scena.

testcoverimageCon o senza cornice, nel collage tutto è permesso